id-7-Mycoplasma-haemofilis-856x745.jpg

Un tempo, i batteri Mycoplasma della classe Mollicutes erano considerati dei virus a causa della loro capacità, attraverso una membrana deformabile, di passare attraverso i filtri che bloccano il passaggio dei batteri ordinari.

Sono ad oggi conosciuti come i più piccoli batteri liberi, auto-replicanti e selettivi. L'utilizzo di antibiotici attivi sulla parete cellulare è inutile, in quanto questi batteri non ne possiedono una. Sono state identificate delle specie di Mycoplasma, incluso il Mycoplasma fermentans, negli artropodi che succhiano il sangue. Un rappresentante di questa categoria è lo Ixodes ticks, che trasmette anche la malattia di Lyme, la Babesiosi, la Ehrlichiosi e la Bartollenosi. In uno studio pubblicato, il 17,4% dei 230 residenti USA che presentavano dei sintomi all'interno di un'area endemica colpita da patologie portate dalle zecche è stato riscontrato positivo al Mycoplasma.

Esami specifici:

Anticorpi

Anticorpi Mycoplasma pneumoniae-IgM, Mycoplasma pneumoniae-IgA e Mycoplasma pneumoniae-IgG

**(provetta da siero)**

PCR

Mycoplasma pneumoniae-PCR nel sangue

**(2 provette EDTA o espettorato, secrezione)**

Batteri indagati:

Mycoplasma pneumoniae, Mycoplasma fermentans (gram-positivo, intracellulare)

Vettore/trasmissione

infezioni aeree (aerogene), trasmissione tra esseri umani, zecche (non provato)

Sintomi

stanchezza (100%), febbre, dolore alle articolazioni, gonfiore delle articolazioni, dolore muscolare, mal di testa, insonnia, ansia, instabilità emotiva, mancanza di concentrazione, perdita di memoria

Associazioni

Autismo, sindrome da fatica cronica (CFS), artrite reumatoide (RA), "Sindrome della guerra del Golfo"

Fattori di rischio

immunosoppressione (bambini/persone anziane)

 id-7-Mycoplasama 500x500.jpg   

 id-7-Mycoplasama pneumoniae 400x400.jpg